La sezione ticinese dell’Associazione svizzera degli impiegati di banca (Asib), riunitasi ieri in occasione dell’assemblea ordinaria, ha lanciato un nuovo appello alle banche e al governo svizzero affinché i dati dei dipendenti non vengano inviati alle autorità fiscali italiane. E’ quanto riporta il sito Ticinonline. «La Confederazione è tenuta ad attivarsi e tutelare maggiormente le banche elvetiche nei confronti delle autorità fiscali estere», si legge in una nota dell’Asib.

Menu