nuovoregime minimiQuali sono le principali modifiche che potrebbero essere introdotte col nuovo regime dei minimi che dovrebbe entrare in funzione a partire dal 2015? Di seguito, si riporta un articolo del Sole24Ore che riassume le principali novità in materia. In aggiunta, su elaborazioni del quotidiano, è presente anche un confronto fra quattro tipologie di lavoro nel regime attuale e come potrebbero modificarsi col nuovo regime.

Il nuovo regime agevolato dei «minimi» per le partite Iva è riservato a chi nel 2014 ha conseguito ricavi o percepito compensi non superiori ai limiti – da 15mila a 40mila euro – stabiliti a seconda del tipo di attività svolta. Il reddito si calcola quindi applicando ai ricavi un coefficiente di redditività variabile dal 40 all’86%, in base (anche qui) all’attività. È sul reddito così calcolato che si applica l’imposta sostitutiva del 15 per cento. di Matteo Balzanelli – Il Sole 24 Ore – leggi su http://24o.it/XxtQsp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Compila questo campo
Compila questo campo
Inserire un indirizzo email valido.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Menu