Nuovi limiti alla compensazione degli F24

Uncategorized
Dal 24 aprile, per i titolari di partita Iva vengono introdotte ulteriori restrizioni sulle modalità di presentazione del mod. F24 con compensazione.
L’art. 3 del D.l. 50/2017 ha modificato profondamente la disciplina delle compensazioni, viene infatti stabilito l’obbligo di effettuare la compensazione in F24, solo tramite i servizi telematici messi a disposizione dall’Agenzia delle Entrate per tutti i crediti relativi alle imposte sui redditi e alle relative addizionali, alle ritenute alla fonte, alle imposte sostitutive delle imposte sul reddito, all’IRAP e ai crediti d’imposta da indicare nel quadro RU della dichiarazione dei redditi.
In particolare viene previsto l’obbligo generalizzato di utilizzare i canali telematici messi a disposizione dall’Agenzia delle Entrate per qualsiasi somma oggetto di compensazione, sia che si tratti di Iva, sia che si tratti di imposte sui redditi, Irap, ritenute, addizionali, imposte sostitutive e crediti d’imposta.
Riepiloghiamo schematicamente le modalità di presentazione del mod. F24 con compensazione per tutti i titolari di partita iva, per qualsiasi somma oggetto di compensazione, sia che si tratti di Iva, sia che si tratti di imposte sui redditi:

F24

 PRIVATI

TITOLARI DI PARTITA IVA

 SALDO POSITIVO
(con saldo finale maggiore di zero)

 Canali telematici dell’Agenzia delle Entrate (Entratel/Fisconline), oppure i servizi di internet banking messi a disposizione dagli intermediari della riscossione convenzionati con l’Agenzia (banche, Poste italiane, agenti della riscossione, prestatori di servizi di pagamento).

 Solo attraverso i canali telematici messi a disposizione dell’Agenzia delle Entrate (Entratel/Fisconline)

SALDO ZERO

 Esclusivamente attraverso i canali telematici messi a disposizione dell’Agenzia delle Entrate (Entratel/Fisconline, F24 web o F24online), oppure attraverso l’intermediario abilitato che può trasmettere le deleghe in nome e per conto degli assistiti (F24 cumulativo o F24 addebito unico).

SENZA COMPENSAZIONI

Anche in forma cartacea

Obbligo di presentazione con modalità telematiche Entratel o Fisconline remote/home banking

Cosa fareQualora come titolari di partita IVA siete soliti a pagare autonomamente modelli F24 dovete tenere presente che non sarà più possibile farlo in nessun modo da parte vostra. Gli F24 dovranno essere trasmessi esclusivamente da un intermediario abilitato.

E’ importante sottolineare che la restrizione opera su qualsiasi importo a credito. Per esempio il mod. F24 relativo alle paghe ed ai contributi dei dipendenti, in presenza in un importo a credito relativo al cosiddetto “Bonus Renzi”, non potrà più essere trasmesso da voi.
Articolo precedente
Sciopero Isee
Articolo successivo
Detrazioni per chi ha figli

Post correlati

Menu