Fra le detrazioni dei modelli in bozza delle dichiarazioni dei redditi ci sono importanti novità. Una riguarda le giovani coppie, che risultino coniugate nell’anno 2016, oppure conviventi di fatto da almeno 3 anni, in cui uno dei due componenti non ha più di 35 anni e che nel 2015 o nel 2016 hanno acquistato un immobile da adibire a propria abitazione principale. Per costoro è prevista, nel limite massimo di 16.000 euro, una detrazione del 50%, da ripartirsi in 10 anni, delle spese sostenute per l’acquisto di mobili nuovi destinati all’arredo dell’abitazione principale. Inoltre per l’Iva pagata nel 2016 per l’acquisto di abitazioni in classe energetica A o B a è riconosciuta la detrazione del 50% recuperabile in 10 anni. Infine, allo scopo di favorire la diffusioni della domotica,  per le spese relative a dispositivi multimediali per il controllo da remoto degli impianti di riscaldamento e/o produzione acqua calda e/o climatizzazione delle unità abitative è riconosciuta la detrazione del 65% in 10 anni.

Menu