Crowdfunding

Definizione

 

L’Equity Crowdfunding, letteralmente reperimento dei capitali (funding) direttamente al pubblico (crowd) permette quindi di raccogliere fondi di finanziamento mediante la sottoscrizione di quote o azioni da parte di persone fisiche ovvero investitori istituzionali.

 

Incentivi fiscali

A favore della procedura esistono degli incentivi fiscali per coloro che decidono di investire in start up innovative e tali agevolazioni si differenziano a seconda che il soggetto sia una persona fisica o una giuridica: nel primo caso c’è la possibilità di detrarre dalla dichiarazione dei redditi un importo pari al 19% della somma investita; la percentuale inoltre è elevata al 25% per gli investimenti in start up innovative a vocazione sociale (c. 4 dell’art. 25 del D.L. “crescita bis”) o in quelle che sviluppano e commercializzano esclusivamente prodotti innovativi ad alto livello tecnologico in campo energetico.

Per quanto concerne invece le persone giuridiche, le società possono escludere dal loro reddito imponibile un importo pari al 20% di quanto investito nella start up, valore che si

eleva al 27% in caso si investa in una startup a vocazione sociale come indicato per le persone fisiche. Il massimale investito in questo caso ammonta ad euro 1.800.000 e deve

essere mantenuto per almeno due anni, pena il recupero a tassazione dell’importo dedotto. Ad oggi in Italia sono presenti 19 portali autorizzati con un target medio di raccolta pari a € 361.124, una quota media del capitale di rischio offerta pari al 23,13% e per quanto riguarda i soli progetti chiusi con successo emerge una percentuale media di raggiungimento del target che si attesta attorno all’82,4%.

Il totale del capitale raccolto con questa modalità dall’ufficializzazione della procedura ammonta € 3.376.767,00 (Fonte: Osservatorio sull’Equity Crowdfunding – Politecnico di Milano).

caso

Menu