La legge di Bilancio 2018 ha introdotto una detrazione IRPEF del 36% per le spese relative a interventi di “sistemazione a verde” degli immobili. Rientrano nel perimetro dell’agevolazione le opere eseguite su aree scoperte private di edifici esistenti, unità immobiliari, pertinenze o recinzioni, impianti di irrigazione e pozzi, nonché quelle per la realizzazione di coperture a verde e giardini pensili. Il limite di spesa è pari a 5.000 euro e si riferisce alla singola unità immobiliare. Pertanto nel caso in cui uno stesso contribuente effettui più interventi su diversi immobili, la detrazione spetterà con riferimento a ciascun intervento. Tra le spese detraibili sono comprese anche quelle di progettazione e manutenzione connesse alla realizzazione delle opere. La detrazione spetta anche per gli interventi comuni eseguiti sulle parti esterne degli edifici condominiali e va ripartita in 10 quote annuali di pari importo nell’anno di sostenimento delle spese e in quelli successivi. Le spese sostenute nel 2018 andranno indicate nella sezione III – A del quadro E. A tal fine sono stati introdotti due codici (12 e 13) corrispondenti, rispettivamente, alle spese agevolabili per la sistemazione a verde delle aree scoperte private e quelle riferibili alle parti comuni condominiali.

Menu