lavoro3
Le modifiche introdotte con il D.Lgs n. 139 saranno efficaci dal prossimo anno, mentre per l’anno 2015 le novità sono ancora una volta di natura fiscale, alcune delle quali favorevoli.
  • Super ammortamento
  • Deducibilità costo lavoro dipendente a tempo indeterminato
  • Contributi ACE
  • Imposte anticipate e differite
Una prima novità riguarda il cosiddetto maxi ammortamento previsto dai commi 91 e seguenti della legge di Stabilità 2016. L’agevolazione trova applicazione per tutti i beni nuovi, ad esclusione dei fabbricati e delle costruzioni, che abbiano un coefficiente di ammortamento inferiore al 6,5%. La maggiorazione non ha alcun impatto sul piano civilistico mentre nella dichiarazione dei redditi occorre fare una deduzione extracontabile del 40% dell’ammortamento calcolato con i coefficienti tabellari. Per il leasing, la maggiorazione riguarda solo la quota capitale e non anche quella interessi (questa agevolazione, per le cooperative agricole che godono dell’esenzione di cui all’art. 10 del D.P.R. 601/1973, ha uno scarso effetto, potendo incidere solo sulla quota dell’utile civilistico imponibile pari al 23%).
A decorrere dal 2015, ai fini della determinazione dell’Irap, è ammessa in deduzione anche la differenza tra il costo complessivo per il personale dipendente con contratto a tempo indeterminato e le deduzioni già spettanti.
Pertanto, diventa integralmente deducibile il costo del personale limitatamente a quello assunto a tempo indeterminato
Ad impattare positivamente sul bilancio, le imprese possono contare anche sull’ aiuto alla crescita economica (ACE) il cui rendimento nozionale, per il periodo di imposta 2015, è pari al 4,5%; pertanto, rispetto allo scorso anno (quando era pari al 4%), la deduzione dal reddito d’impresa è maggiore. Si ricorda, infatti, che per i soggetti Ires l’ACE, introdotta dall’art. 1 del D.L. 6.12.2011, n. 201 per incentivare la patrimonializzazione delle imprese, si determina applicando il rendimento nozionale alla differenza tra il patrimonio netto al 31.12.2015 e quello al 31.12.2010.
Infine, la legge di Stabilità 2016 prevede, a decorrere dal 2017, la riduzione dell’ aliquota Ires dall’attuale 27,5% al 24% e di questo si deve tener conto nel calcolo della fiscalità differita. Le imposte anticipate/differite sono calcolate sull’ammontare cumulativo di tutte le differenze temporanee dell’esercizio, applicando le aliquote fiscali in vigore nell’esercizio nel quale le differenze temporanee si riverseranno.
Menu