AGEVOLAZIONI FISCALI PER I LAVORATORI FRONTALIERI

 

Flag-map_of_SwitzerlandIl c. 175 della legge di Stabilità stabilisce che, dall’1.01.2014, il reddito di lavoro dipendente prestato all’estero in zona di frontiere o in altri Paesi limitrofi al territorio nazionale, in via continuativa e come oggetto esclusivo del rapporto, da soggetti residenti nel territorio italiano, concorre a formare il reddito complessivo per l’importo eccedente € 6.700. La novità consiste nel fatto che la disposizione non avrà più necessità di proroghe annuali, come avvenuto fi no al 2013, ma ha natura strutturale. La nuova versione normativa, inoltre, prevede che l’attività lavorativa sia svolta da residenti in Italia che prestano la loro attività lavorativa in via continuativa e come oggetto esclusivo del rapporto in zona di frontiera o in altri Paesi limitrofi . Ai sensi dell’art. 1, lett. b) del reg. n. 1408/71/CEE, con il termine “lavoratore frontaliero” si intende qualsiasi lavoratore subordinato o autonomo che esercita un’attività professionale nel territorio di uno Stato e risiede nel territorio di uno Stato membro dove, di massima, ritorna ogni giorno o almeno una volta alla settimana; tuttavia, il lavoratore frontaliero che è distaccato dall’impresa da cui dipende normalmente o che fornisce una prestazione di servizi nel territorio dello stesso o di un altro Stato membro, conserva la qualità di lavoratore frontaliero per un periodo non superiore a 4 mesi, anche se in questo periodo non può ritornare ogni giorno o almeno
una volta alla settimana nel luogo di residenza. Ai fi ni fi scali, per la corretta gestione del lavoratore frontaliero, è necessario rifarsi alle singole convenzioni internazionali contro la doppia imposizione, in quanto la definizione sopra riportata di diritto comunitario è valida principalmente in materia di
sicurezza sociale. Nel nostro ordinamento sono presenti due specifiche fattispecie di esenzione per i soggetti che svolgono lavoro all’estero e risiedono in zone di confine:

  • esenzione di carattere generale;
  • esenzione di carattere speciale (caso Svizzera).

Caso Svizzera

Lavoratore frontaliero

  • L’accordo siglato tra Italia e Svizzera il 3.10.1974 si applica nei soli casi in cui il lavoratore rientri nella definizione di lavoratore “frontaliero” prevista dalla suddetta convenzione.
  • A tal fi ne, si considera frontaliero il lavoratore che quotidianamente si reca dalla propria residenza, sita in un comune prossimo al confine, nell’ambito della fascia di 20 chilometri dallo stesso, in uno dei cantoni confinanti con l’Italia e garantisce la totale non imponibilità in Italia dei redditi derivanti dal lavoro svolto in Svizzera, indipendentemente dall’importo percepito.

 Requisiti per l’esenzione in Italia 

  • Condizioni per ritenere il reddito prodotto in Svizzera da residente in Italia esente (e assoggettato solo in Svizzera):

1.ritorno serale o almeno settimanale al proprio domicilio italiano

[(art. 1, c. 1, lett. c), reg. CEE n. 1408/1971)]

;

2.possesso della residenza in un Comune qualificato di confine.

  • In mancanza di uno solo dei due requisiti sopra esposti sarà applicato l’art. 15, par. 1 della Convenzione Italo-Svizzera, con relativa applicazione della doppia imposizione.

 Lavoratore distaccato in svizzera 

  • In caso di lavoratore residente fiscalmente in Italia (ma in un Comune al di fuori della fascia cosiddetta di confi ne), distaccato in Svizzera, da  frontaliero, potranno essere applicate le retribuzioni convenzionali ex art. 51, c. 8-bis, del Tuir (ove presenti tutte le condizioni previste dalla norma) senza applicazione 6.700.
  • In sostanza si deve ritenere che l’esenzione di € 6.700 non potrà mai essere applicata ai lavoratori frontalieri Italia-Svizzera.

Sei un frontaliere?

Puoi richiedere un consulto presso il nostro studio

 

Studio Giallo & Co Srl ha già organizzato un evento dedicato all’argomento, il 23 maggio 2014 presso Villa Recalcati a Varese.
Ha in programma ulteriori appuntamenti sul tema. Qualora siate interessati vi invitiamo a consultare periodicamente il sito per vedere i prossimi luoghi e orari.
Menu