Legge di stabilità 2018

Nella riunione del Consiglio dei Ministri del 16.10.2017 è stata approvata la Legge di Bilancio 2018.

La manovra, che prima si chiamava legge di stabilità, ammonta a 20,4 miliardi di euro.

Il premier Paolo Gentiloni durante la conferenza stampa ha dichiarato: “il nostro primo obiettivo era evitare l’aumento dell’Iva e l’introduzione di nuove tasse, gabelle, accise: obiettivo che abbiamo raggiunto, un impegno che è stato mantenuto”.

Lotta all’evasione fiscale, azzeramento delle clausole di salvaguardia IVA, obbligo di fatturazione elettronica anche tra privati, stretta alle compensazioni dei crediti IVA, nuova fase della rottamazione delle cartelle Equitalia, sanatoria del contante, estensione dello split payment, riforma delle pensioni, interventi a favore dell’occupazione giovanile, rinnovo delle assunzioni agevolate a tempo indeterminato, sconti fiscali sul salario di produttività, riduzione del costo del lavoro, incentivi per gli investimenti di Impresa 4.0 e bonus edilizi.

Questi sono i principali punti della legge di stabilità 2018. Alcuni di questi vengono qui di seguito esposti in modo più dettagliato con link a pagine o articoli del sito

Elenco Notizie:

 

Menu