Cosa può rimanere ancora aperto?

Domenica è stato firmato il decreto annunciato dal presidente del Consiglio Giuseppe Conte con le nuove limitazioni per contenere la diffusione del coronavirus (SARS-CoV-2) e che prevede la chiusura, in tutta Italia, delle «attività produttive non necessarie».

Nel decreto si dice che è sempre consentita l’attività di produzione, trasporto, commercializzazione e consegna di farmaci, tecnologia sanitaria e dispositivi medico-chirurgici, di prodotti agricoli e alimentari, e di «ogni attività comunque funzionale a fronteggiare l’emergenza». Si dice inoltre che sono consentite consentite le attività dell’industria dell’aerospazio, della difesa, le «altre attività di rilevanza strategica per l’economia nazionale» e «le attività degli impianti a ciclo produttivo continuo»: per il loro proseguimento è necessario e sufficiente inviare una comunicazione al prefetto della provincia dove si trova l’attività produttiva. Sarà il prefetto, eventualmente, a deciderne la sospensione.

Il decreto stabilisce la sospensione fino al 3 aprile da oggi, lunedì 23 marzo, ma con tempo fino a mercoledì 25 marzo per preparare le attività necessarie alla sospensione.

Nell’elenco del decreto, le attività che non potranno sospendere la produzione sono identificate dal proprio codice ATECO, quello della classificazione delle attività economiche (da cui “AT-ECO”) usata dall’Istituto nazionale di statistica italiano (ISTAT). Nel dettaglio le attività che resteranno aperte quindi sono quelle seguono, ma occhio: in certi casi ci sono ordinanze regionali che impongono la chiusura di attività permesse dal decreto del governo, e non è ancora chiaro quale prevalga.

Ad esempio, nella regione dove ha sede Studio Giallo, la Lombardia, c’è un’ordinanza regionale, la n. 514 del 21 marzo 2020, che detta vincoli ancora più stringenti, con sanzioni fino a 5.000€ per chi non rispetta i divieti imposti.

Quale regolamento prevale? In punto di diritto dovrebbe prevalere quello varata dal governo perché dopo l’ emanazione del D.P.C.M. lo stesso prevale sulle disposizioni Regionali in forza dei principi generali previsti dalla legge, art. 32 legge n. 833/1978, e dello stesso art. 3 D.L. n. 6/2020 che limita la possibilità regolatoria d’urgenza attribuita alle Regioni nelle more di un decreto del Presidente del Consiglio che regolamenti la medesima materia, il tutto in coerenza con art. 120 della Costituzione.

Vi suggeriamo però la massima cautela, perché queste sono interpretazioni di diritto e sicuramente chi è preposto al controllo del rispetto delle leggi non ha il tempo, né i mezzi, per affrontarle in questo momento. Né rientra fra le priorità della situazione. Laddove possiate rimanete a casa.

Rispettando comunque i due regolamenti, noi continueremo a lavorare da casa, rispettando le scadenze fiscali delle prossime settimane che al momento non sono prorogate.

Per sapere cosa è bloccato dal D.P.C.M, di seguito proponiamo l’elenco dei codici ATECO che possono continuare ad operare. Potete fare un raffronto, prendendo la vostra visura camerale e controllando il codice Ateco che è in prima pagina.

• coltivazioni agricole e produzione di prodotti animali (tutte le attività con codice ATECO che inizia per 01);

• pesca e acquacoltura (tutte le attività con codice ATECO che inizia per 03);

• estrazione di carbone (codice ATECO 05);

• estrazione di petrolio greggio e di gas naturale (codice ATECO 06);

• attività dei servizi di supporto all’estrazione di petrolio e di gas naturale (codice ATECO 09.1);

• industrie alimentari (tutte le attività con codice ATECO che inizia per 10);

• industria delle bevande (tutte le attività con codice ATECO che inizia per 11);

• fabbricazione di altri articoli tessili tecnici ed industriali (codice ATECO 13.96.20);

• fabbricazione di spago, corde, funi e reti (codice ATECO 13.94);

• fabbricazione di tessuti non tessuti e di articoli in tali materie, esclusi gli articoli di abbigliamento (codice ATECO 13.95);

• confezioni di camici, divise e altri indumenti da lavoro (codice ATECO 14.12.00);

• fabbricazione di imballaggi in legno (codice ATECO 16.24.00);

• fabbricazione di carta (tutte le attività con codice ATECO che inizia per 17);

• stampa e riproduzione di supporti registrati (tutte le attività con codice ATECO che inizia per 18), tra cui la stampa di giornali;

• fabbricazione di coke e prodotti derivanti dalla raffinazione del petrolio (tutte le attività con codice ATECO che inizia per 19);

• fabbricazione di prodotti chimici (tutte le attività con codice ATECO che inizia per 20);

• fabbricazione di prodotti farmaceutici di base e di preparati farmaceutici (tutte le attività con codice ATECO che inizia per 21);

• fabbricazione di articoli in gomma (le attività con codice ATECO che inizia per 22.1);

• fabbricazione di articoli in materie plastiche (le attività con codice ATECO che inizia per 22.2);

• fabbricazione di vetrerie per laboratori, per uso igienico, per farmacia (codice ATECO 23.19.10);

• fabbricazione di apparecchi per irradiazione, apparecchiature elettromedicali e apparecchiature elettroterapeutiche (codice ATECO 26.6);

• fabbricazione di motori, generatori e trasformatori elettrici e di apparecchiature per la distribuzione e il controllo dell’elettricità (codice ATECO 27.1)

• fabbricazione di macchine per l’agricoltura e la silvicoltura (codice ATECO 28.3);

• fabbricazione di macchine per l’industria alimentare, delle bevande e del tabacco incluse parti e accessori (codice ATECO 28.93);

• fabbricazione di macchine per l’industria della carta e del cartone incluse parti e accessori (codice ATECO 28.95.00);

• fabbricazione di macchine per l’industria delle materie plastiche e della gomma incluse parti e accessori (codice ATECO 28.96);

• fabbricazione di strumenti e forniture mediche e dentistiche (le attività con codice ATECO che inizia per 32.50);

• fabbricazione di attrezzature ed articoli di vestiario protettivi di sicurezza (codice ATECO 32.99.1);

• fabbricazione di casse funebri (codice ATECO 32.99.4);

• riparazione, manutenzione e installazione di macchine e apparecchiature (codice ATECO 33);

• fornitura di energia elettrica, gas, vapore e aria condizionata (tutte le attività con codice ATECO che inizia per 35);

• raccolta, trattamento e fornitura d’acqua (tutte le attività con codice ATECO che inizia per 36);

• gestione delle reti fognarie (tutte le attività con codice ATECO che inizia per 37);

• attività di raccolta, trattamento e smaltimento dei rifiuti e recupero dei materiali (tutte le attività con codice ATECO che inizia per 38);

• attività di risanamento e altri servizi di gestione dei rifiuti (tutte le attività con codice ATECO che inizia per 39);

• ingegneria civile (codice ATECO 42);

• installazione di impianti elettrici, idraulici e altri lavori di costruzioni e installazioni (le attività con codice ATECO che inizia per 43.2);

• manutenzione e riparazione di autoveicoli (le attività con codice ATECO che inizia per 45.2);

• commercio di parti e accessori di autoveicoli (le attività con codice ATECO che inizia per 45.3);

• per la sola attività di manutenzione e riparazione di motocicli e commercio di relative parti e accessori (le attività con codice ATECO che inizia per 45.4);

• commercio all’ingrosso di materie prime agricole e animali vivi (codice ATECO 46.2);

• commercio all’ingrosso di prodotti alimentari, bevande e prodotti del tabacco (codice ATECO 46.3);

• commercio all’ingrosso di prodotti farmaceutici (codice ATECO 46.46);

• commercio all’ingrosso di libri, riviste e giornali (codice ATECO 46.49.2);

• commercio all’ingrosso di macchinari, attrezzature, macchine, accessori, forniture agricole e utensili  agricoli, inclusi i trattori (codice ATECO 46.61);

• commercio all’ingrosso di altri mezzi ed attrezzature da trasporto (codice ATECO 46.69.19);

• commercio all’ingrosso di strumenti ed attrezzature ad uso scientifico (codice ATECO 46.69.91);

• commercio all’ingrosso di altri articoli antincendio e infortunistici (codice ATECO 46.69.94);

• commercio all’ingrosso di prodotti petroliferi e lubrificanti per autotrazione, di combustibili per riscaldamento (codice ATECO 46.71);

• trasporto terrestre e trasporto mediante condotte (codice ATECO 49);

• trasporto marittimo e per vie d’acqua (tutte le attività con codice ATECO che inizia per 50);

• trasporto aereo (tutte le attività con codice ATECO che inizia per 51);

• magazzinaggio e attività di supporto ai trasporti (tutte le attività con codice ATECO che inizia per 52);

• servizi postali e attività di corriere (tutte le attività con codice ATECO che inizia per 53);

• alberghi e strutture simili (codice ATECO 55.1);

• servizi di informazione e comunicazione (tutte le attività nella categoria J da 58 a 63 dei codici ATECO);

• attività finanziarie e assicurative (tutte le attività nella categoria K da 64 a 66 dei codici ATECO);

• attività legali e contabili (codice ATECO 69);

• attività di direzioni aziendali e di consulenza gestionale (codice ATECO 70);

• attività degli studi di architettura e di ingegneria; collaudi ed analisi tecniche (codice ATECO 71);

• ricerca scientifica e sviluppo (tutte le attività con codice ATECO che inizia per 72);

• attività professionali, scientifiche e tecniche (tutte le attività con codice ATECO che inizia per 74);

• servizi veterinari (tutte le attività con codice ATECO che inizia per 75);

• servizi di vigilanza privata (le attività con codice ATECO che inizia per 80.1);

• servizi connessi ai sistemi di vigilanza (le attività con codice ATECO che inizia per 80.2);

• attività di pulizia e disinfestazione (codice ATECO 81.2);

• attività dei call center (codice ATECO 82.20.00);

• attività di imballaggio e confezionamento conto terzi (codice ATECO 82.92);

• agenzie di distribuzione libri, giornali e riviste (codice ATECO 82.99.02);

• amministrazione pubblica e difesa; assicurazione sociale obbligatoria (tutte le attività con codice ATECO che inizia per 84);

• istruzione (tutte le attività con codice ATECO che inizia per 85);

• assistenza sanitaria (tutte le attività con codice ATECO che inizia per 86);

• servizi di assistenza sociale residenziale (tutte le attività con codice ATECO che inizia per 87);

• servizi di assistenza sociale non residenziale (tutte le attività con codice ATECO che inizia per 88);

• attività di organizzazioni economiche, di datori di lavoro e professionali (tutte le attività con codice ATECO che inizia per 94), dunque i sindacati, le federazioni industriali e gli ordini dei professionisti, tra le altre cose.

• riparazione e manutenzione di computer e periferiche (codice ATECO 95.11.00);

• riparazione e manutenzione di telefoni fissi, cordless e cellulari (codice ATECO 95.12.01);

• riparazione e manutenzione di altre apparecchiature per le comunicazioni (codice ATECO 95.12.09);

• riparazione di elettrodomestici e di articoli per la casa (codice ATECO 95.22.01);

• attività di famiglie e convivenze come datori di lavoro per personale domestico (codice ATECO 97).

Articolo precedente
Tramonta l’ipotesi di click day per il bonus partite IVA
Articolo successivo
Come funziona lo smartworking per noi commercialisti

Post correlati

Menu