Dipendenti in Svizzera e lavoratori in Italia: dove si versano i contributi?

Svizzera, Uncategorized

Chi lavora come dipendente in un Paese dell’Unione Europea o che ha riconosciuto il Regolamento europeo, e contemporaneamente svolga attività lavorativa autonoma in un altro Stato, è assoggettato unicamente alla legislazione previdenziale del Paese dove si svolge l’attività subordinata.  Lo stabilisce il Regolamento europeo 883/2004, sottoscritto anche dalla Svizzera.

La normativa comunitaria prevede che l’Istituzione designata dall’Autorità competente dello Stato membro di residenza della persona che esercita attività in due o più Stati, su richiesta della persona o se informata della situazione da un’altra Istituzione interessata, determini la legislazione applicabile all’interessato sulla base del suddetto criterio.

La determinazione viene poi comunicata all’Istituzione del Paese o dei Paesi in cui è esercitata l’altra o le altre attività; entro due mesi tali Istituzioni possono contestare la determinazione prima che essa diventi definitiva.

Il lavoratore è soggetto alla legislazione, e quindi al versamento dei contributi, all’estero anche se esercita un’attività che in Italia comporta l’iscrizione alla Gestione separata. In questo caso il lavoratore deve essere assoggettato unicamente alla legislazione dello Stato Estero nel quale è esercitata l’attività subordinata e, pertanto, non dovranno essere versati contributi alla Gestione separata.  

Quanti si trovano in questa situazione deve annunciarsi presso l’Ufficio affiliazioni dell’Istituto delle assicurazioni sociali.

L’Autorità previdenziale svizzera informerà l’INPS, a cui non saranno più dovuti contributi. 

I redditi dell’attività autonoma rimangono comunque soggetti alla fiscalità del Paese in cui questa attività viene svolta. Il lavoratore autonomo con partita Iva in Italia, rimane quindi assoggettato al Fisco italiano per quel che riguarda la dichiarazione dei redditi e il conteggio dell’IVA. 

Ma cosa succede se un lavoratore italiano presta la sua attività in Svizzera a tempo parziale? Se si reca solo un giorno a settimana oltreconfine e la restante parte rimane in Italia deve versare i contributi in Svizzera? Cambia qualcosa se uno è lavoratore dipendente o autonomo?

A queste domande cercheremo di rispondere nel prossimo convegno Italia Svizzera al Centro Congressi di Ville Ponti il 5 Marzo dalle 17.00 alle 20.00.

Articolo precedente
Il Portogallo non è più il paradiso dei pensionati

Post correlati

Menu