Energia, la Ue premia i risparmi: 100 milioni per le Pmi e istituti di ricerca

efficienza-energetica-2

Efficienza energetica premiata dall’Europa con nuovi incentivi per progetti di ricerca: in pista le nuove call di Horizon 2020 e quelle di Empir, il programma per la ricerca europea sulla metrologia, co-fondato e sostenuto dalla Commissione europea e dagli Stati membri partecipanti per finanziare progetti di sviluppo di tecniche metrologiche, metodi di misurazione e standard per le applicazioni industriali con l’obiettivo di favorire l’innovazione e la competitività nella produzione industriale.
Sul piatto per imprese e istituti di ricerca quasi 100 milioni di euro volti a premiare progetti innovativi in vari settori, tra cui spicca l’efficienza energetica.
Horizon 2020
Sono in partenza dal 26 luglio 2016 per chiudersi il 19 gennaio 2017 le nuove 6 call del programma Horizon 2020 “Secure, Clean and Efficient Energy” (sottoprogramma “Efficienza energetica 2016-2017”). Sul piatto ci sono subito 48 milioni di euro del budget totale di 194 milioni per gli anni 2016 e 2017.
I progetti possono essere presentati da piccole e medie imprese, università, aziende attive nel settore tecnologico, istituti di ricerca, ricercatori singoli o affiliati a soggetti pubblici o privati.

In generale i 6 inviti della Commissione europea “chiamano” i partecipanti a presentare progetti di ricerca relativi al: recupero del calore di scarto da impianti urbani e suo riutilizzo per aumentare l’efficienza energetica dei sistemi di riscaldamento individuale e raffreddamento; valorizzazione del calore di scarto negli impianti industriali; nuove soluzioni di riscaldamento e raffreddamento che utilizzano fonti di energia termica a bassa temperatura. Sono incentivati anche progetti diretti a facilitare l’ingresso nel mercato di centri elaborazione dati più energeticamente efficienti e integrati.

Empir 2016-2020
Il programma Empir (European Metrology Programme for Innovation and Research) analogamente a Horizon 2020 finanzia progetti di ricerca transnazionali “multipartner” per lo sviluppo di tecniche metrologiche, metodi di misurazione e standard per le applicazioni industriali ed è sostenuto congiuntamente dalla Commissione europea e dai Paesi partecipanti nell’ambito di Euramet, l’associazione europea di Istituti nazionali di metrologia (per l’Italia l’Istituto nazionale di ricerca metrologica). È Euramet a organizzare gli inviti a presentare proposte, la selezione e il monitoraggio dei progetti nonché l’assegnazione dei contributi (essenzialmente contributi alla spesa o cofinanziamenti).
I progetti sono presentati principalmente da istituti di ricerca e imprese.  Il budget dei 5 inviti a presentare proposte aperti dal 16 giugno 2016 è di quasi 50 milioni di euro spalmato sui seguenti settori: energia, ambiente, ricerca potenziale (sviluppo della capacità di ricerca metrologica), normativa (sviluppo di metodi e tecniche metrologiche necessarie per la standardizzazione) e supporto agli impatti post ricerca (questa “call” partirà il 26 luglio 2016).

, , , ,
Articolo precedente
Ad Agosto niente tasse
Articolo successivo
Spedizioni di modico valore e non commerciali esenti da IVA

Post correlati

Menu