Fusione fra borse per creare la più grande d’Europa

Business, Finanza

London Stock Exchange.

Mentre si avvicina il referendum sulla Brexit il London Stock Exchange, che possiede la borsa di Londra e la borsa di Milano, e Deutsche Boerse hanno avviato le trattative per una fusione. Lo hanno riferito le due società, confermando così le indiscrezioni che nella giornata di oggi hanno fatto impennare le quotazioni azionarie di entrambe: Deutsche Boerse +8% e Lse +18%. La rivale Euronext guadagna invece il 4,6%.

Nascerà la prima borsa europea e a una delle prime del mondo sia per le contrattazioni su azioni sia per quelle su prodotti derivati, in grado di competere per dimensioni ad armi pari contro le statunitensi Cme Group e Intercontinental Exchange oltre che con la borsa di Hong Kong.

Dal matrimonio tra Lse e Deutsche Boerse nascerà infatti una nuova holding del valore di quasi20miliardi di sterline in base alla chiusura dei prezzi delle azioni di ieri, di cui gli azionisti di Deutsche Boerse deterranno il 54,4% e quelli di Lse il 45,6%. Insomma, Francoforte comprerà Londra. Sempre che le trattative vadano in porto.

Mentre si avvicina il referendum sulla Brexit il London Stock Exchange, che possiede la borsa di Londra e la borsa di Milano, e Deutsche Boerse hanno avviato le trattative per una fusione. Lo hanno riferito le due società, confermando così le indiscrezioni che nella giornata di oggi hanno fatto impennare le quotazioni azionarie di entrambe: Deutsche Boerse +8% e Lse +18%. La rivale Euronext guadagna invece il 4,6%.

Nascerà la prima borsa europea e a una delle prime del mondo sia per le contrattazioni su azioni sia per quelle su prodotti derivati, in grado di competere per dimensioni ad armi pari contro le statunitensi Cme Group e Intercontinental Exchange oltre che con la borsa di Hong Kong.

Dal matrimonio tra Lse e Deutsche Boerse nascerà infatti una nuova holding del valore di quasi20miliardi di sterlinein base alla chiusura dei prezzi delle azionidi ieri,di cui gli azionisti di Deutsche Boerse deterranno il 54,4% e quelli di Lse il 45,6%. Insomma, Francoforte comprerà Londra. Sempre che le trattative vadano in porto.

 

Menu