Le spese sanitarie potrebbero non essere incluse nel 730 del prossimo anno

Uncategorized

pills-bottles-628x363

Spese sanitarie sempre più a rischio nel prossimo 730 precompilato. La linea dura assunta dai medici per gli adempimenti a loro carico (ritenuti troppo pesanti dalla categoria) potrebbe portare a bloccare o almeno a rallentare la trasmissione. Anche perché l’Andi (associazione dentisti italiani) è sempre più orientata a impugnare al Tar il decreto ministeriale sull’invio delle spese. Sono due i profili ritenuti fortemente critici dalla categoria. In primo luogo, si fa notare che la trasmissione dei dati non è un automatismo a costo zero: le informazioni, infatti, arriveranno alle Entrate attraverso un adempimento che grava su medici e dentisti, chiamati a trasmettere i dati sulle fatture al Sistema tessera sanitaria.

In secondo luogo, a preoccupare non è solo l’adempimento in sé, ma anche le sanzioni previste in caso di «omessa, tardiva o errata trasmissione» che ammontano a 100 euro per ogni mancato o erroneo invio e possono arrivare fino a 50mila euro.

,
Articolo precedente
Dell si lancia nel cloud computing con la più grande acquisizione in ambito IT della storia
Articolo successivo
Confermate anche per il 2016 le detrazioni sulle ristrutturazioni

Post correlati

Menu