Nuovo regime dei minimi

Uncategorized

nuovoregime minimiQuali sono le principali modifiche che potrebbero essere introdotte col nuovo regime dei minimi che dovrebbe entrare in funzione a partire dal 2015? Di seguito, si riporta un articolo del Sole24Ore che riassume le principali novità in materia. In aggiunta, su elaborazioni del quotidiano, è presente anche un confronto fra quattro tipologie di lavoro nel regime attuale e come potrebbero modificarsi col nuovo regime.

Il nuovo regime agevolato dei «minimi» per le partite Iva è riservato a chi nel 2014 ha conseguito ricavi o percepito compensi non superiori ai limiti – da 15mila a 40mila euro – stabiliti a seconda del tipo di attività svolta. Il reddito si calcola quindi applicando ai ricavi un coefficiente di redditività variabile dal 40 all’86%, in base (anche qui) all’attività. È sul reddito così calcolato che si applica l’imposta sostitutiva del 15 per cento. di Matteo Balzanelli – Il Sole 24 Ore – leggi su http://24o.it/XxtQsp

Articolo precedente
Possibile riduzione dell’Aliquota IVA sulle ristrutturazioni edilizie
Articolo successivo
Detrazioni per locatari di immobili recentemente acquistati

Post correlati

Nessun risultato trovato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Compila questo campo
Compila questo campo
Inserire un indirizzo email valido.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Menu