L’Iva omessa non sarà più reato: stop alla rilevanza penale dei mancati versamenti

Uncategorized

Nell’intento di reprimere i reati tributari attraverso un inasprimento dell’apparato sanzionatorio, sostanziale e processuale, il D.L. 138/2011 ha operato una “mini-riforma” prevalentemente consistente nell’abbassamento delle soglie di punibilità che caratterizzano i reati in materia di dichiarazioni contenuti nel D.Lgs. 74/2000.

Tra questi, per i fini che qui ci interessano, vi rientrano:

  • l’art. 4, rubricato “Dichiarazione infedele”, che a seguito dell’intervento del suddetto D.L. 138/2011 ha visto un abbassamento della soglia relativa all’imposta evasa dai precedenti € 103.291,38 agli attuali € 50.000 (soglia che deve concorrere insieme al complessivo ammontare degli elementi attivi sottratti ad imposizione – anche mediante elementi passivi fittizi – superiori a 2 milioni di euro, o qualora siano di valore uguale o superiore al 10% dell’ammontare complessivo degli elementi attivi indicati in dichiarazione);
  • l’art. 5, legato alla “Omessa dichiarazione”, che a seguito dell’intervento del D.L. 138/2011 ha visto un abbassamento della soglia relativa all’imposta evasa dai precedenti € 77.468,53 (vecchi 150 milioni di lire) agli attuali € 30.000 per ogni singola imposta.

Continua a leggere l’articolo su Euroconference: http://www.ecnews.it/2014/07/incostituzionalita-soglia-rilevanza-penale-per-gli-omessi-versamenti-iva-ante-d-l-1382011/

Articolo precedente
Sempre meno «rifugi sicuri» all’estero
Articolo successivo
Equitalia, il 40% delle riscossioni da grandi evasori

Post correlati

Nessun risultato trovato.

Menu